CAPODANNO AD ALGHERO: #trivago consacra la città catalana.

La scommessa iniziata 20 anni fa rimane sempre vincente, ebbene sì da quando si é voluto credere che portare il capodanno in piazza ad Alghero sarebbe stato un successo, alla stregua di grandi città come: Londra, Parigi e Barcellona, sono già passati tutti questi anni e il risultato é stato una continua crescita.

Crescita nella programmazione, nella promozione e nella somministrazione di servizi. Ad oggi infatti, oltre al vasto programma che ricopre circa un mese di eventi, abbiamo una grande filiera di artigiani pronti a lanciare le eccellenze del nostro territorio. 

Dobbiamo anche sottolineare che oltre alla bravura degli organizzatori il 90% del successo di questa città, arriva da essa stessa. Si la natura ē stata molto generosa con questo borgo di pescatori che con la sua storia e originalità si sta facendo conoscere in tutto il mondo e si sta distinguendo per le sue caratteristiche uniche e originali che la contraddistinguono dal resto dell’isola.

Sarà che con tutte le dominazioni che ha subito alla fine questa città ha saputo creare un carattere tutto suo, fiero e nello stesso tempo ambiguo, una città viva  tutto l’anno che in base alle esigenze, esprime il suo lato migliore. Alghero é perfetta a chi ama il mare, l’enogastronomia, la cultura, la storia, lo sport e le atmosfere romatiche, ma da anni lascia il segno per i suoi eventi musicali di fine anno.

  
Insomma se non vi ho convinto con queste righe, provate a leggere il calendario:

  1. Si parte dal giorno dell’Immacolata, 8 dicembre. Con l’inaugurazione del Museo della Città, dove verranno esposti i reperti più preziosi del patrimonio archeologico del territorio di Alghero e con l’accensione del tradizionale albero di luci in Piazza Porta Terra;
  2. 11, 12 e 13 dicembre Corrals Oliena e Orgosolo, aprono la festa enogastronomica  con i  mercati artigianali, prodotti tipici e folklore. Il gruppo tenores “Supramonte” il gruppo di ballo “Antonia Mesina”, le corali di Oliena, pane, olio, liquori, vino;
  3. Dal 8 dicembre al 26 le Botteghe artigianali di Piazza Pino Piras saranno aperte tutti i giorni per dare spazio al mercato artigiano di qualità L’AlberoArtico animato da laboratori, performance artistiche ed installazioni di urban art;
  4. La notte del 31 una festa di luci, una festa di musica, una festa di piazza. La città di Alghero accoglie il 2016 a partire dalle 22:00 che precede il countdown della mezzanotte quando le luci colorate dei fuochi d’artificio danno il benvenuto al nuovo anno. Ad infiammare l’inizio del 2016, #Elio e le Storie Tese, che ritornano in Riviera del Corallo con il loro rock energico ed ironico.

Se ora vi ho convinto seguitemi nel prossimo articolo dove vi consiglierò: dove mangiare, dove dormire e cosa non perdere per salutare il 2015 e dare spazio al nuovo anno.

Stefania Salvatore

Blogger 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...